Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 14 – Chiang Bye

«Ci sono posti dove manca il concetto del recupero, o del ritocco del passato. A Parigi, fra tutti quei restauri impeccabili, mi ero sempre sentito in colpa, convinto che tutti mi vedessero per quello che ero: un essere non abbastanza perfetto. A Bangkok ciascuno è libero di andare in pezzi come crede». (Lawrence Osborne, Bangkok) […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 13 – Monaci Automatici (“Hello, Sorry”)

«I cinesi hanno una bella espressione per descrivere come io vivevo, e ancora vivo: “Guardare i fiori dal dorso di un cavallo”. Proprio così: in venticinque anni d’Asia ho visto tanti fiori, a volte straordinari, grandi, ma dall’alto di un cavallo, sempre di corsa, sempre a distanza, senza troppo tempo per soffermarmici». (Tiziano Terzani, In […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 12 – Repent! The end is near!

«Viaggiare ha senso solo se si torna con una qualche risposta nella valigia», attaccò Leopold. «Tu che viaggi tanto, l’hai trovata?». (Tiziano Terzani, Un indovino mi disse) Chiang Mai, 8 luglio 2019 Oggi due dei miei peggiori incubi sono diventati realtà: la polizia e la pioggia monsonica. Entrambi scampati per un pelo ma comunque di […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 11 – Laundry Service

«Il passeggero conquista dunque il proprio anonimato solo dopo aver fornito la prova della sua identità, solo dopo aver, in qualche modo, controfirmato il contratto. Se paga con un assegno o con una carta di credito, il cliente del supermercato declina anch’egli la sua identità come l’utente dell’autostrada. In un certo senso, l’utente del non-luogo […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 10 – “Non vo’ che al tempio”

«Lei dice che non riusciremo? Noi terrestri abbiamo il genio di rovinare tutte le cose grandi e belle. La sola ragione per cui non abbiamo messo delle bancarelle di salsicciotti caldi in mezzo all’antico tempio egizio di Karnak è perché si trova troppo fuori mano e commercialmente non serve a nulla». (Ray Bradbury, Cronache Marziane) […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 9 – Game Over

«Le ultime tenebre avvolgono la città come una pellicola. Si cominciano a vedere i furgoni della spazzatura. Danno il cambio a coloro che hanno passato in piedi la notte qua e là nella metropoli, e ora iniziano ad avviarsi verso le stazioni. Come un banco di pesci che segua una corrente, si dirigono tutti verso […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 8 – Marlboro

«In una stradina buia e stretta, Lontana dagli occhi Della legge e di passantiOccasionali C’è un postoLo chiamano Marlboro. È il luogo giusto Per un’esperienzaLa più locale, tipica Di ogni tempio e mercato, di ogni Buddha Inginocchiato(e di ogni Spa e di tèspeziato…). Più di ogni pretesa di santità, È un posto Sbagliato. Un ritrovo […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 7 – “Akeh no police”

«Il tuo primo bacherozzo: che sollievo. Si può anche farne a meno, però il punto è che non sempre uno ha voglia d’essere tutto d’un pezzo, e quello che mangi ti aiuta a cambiare il modo di vedere le cose senza tirare in ballo la testa. Addenta una cimice d’acqua, e l’esotismo va a farsi […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 6 – Larve per cena nella Disneyland del Buddha

«Dopo dodici ore, Di sonno, una luce Motori, veicoli Sono a Roma? Mi affaccio Dall’ottavo piano, del Kanith Montagne, basse costruzioni Tetti spioventi, qualche superstrada Taglia l’orizzonte Chiang Mai Sono a Chiang Mai Ora lo so, per certo Residui di jet lag, defluiscono Dallo scarico della doccia Assieme alle scie Di shampoo al frangipani. Devo […]

Altro Giro, Altra Corsa

Capitolo 5 – Jazz club

«Venditori di manghi e carretti Ambulanti, Templi induisti, hindu, cinesi Ganesha e Bodhisattva Mango e durian, ad ogni pasto I jazz club di Chiang Mai. La polizia, di Chiang Mai Guidare il motorino, mai Perdere la stoffa, inversioni, sorpassi Dove vuoi, come vuoi, qui puoi Le meraviglie dei mercati Come navi da cargo delle Indie […]